Biblioteca 'Paolo Emilio Pecorella'

La Biblioteca Pecorella, situata nella sede del CAMNES di via del Giglio 15 a Firenze, è nata per l’impegno dei co-direttori del centro studi, Guido Guarducci e Stefano Valentini - entrambi allievi del prof. Pecorella - e per la cortese disponibilità della famiglia Pecorella, che ha donato a CAMNES tutti i volumi di archeologia e studi antichi del Professore.
A questi volumi si sono aggiunti quelli di CAMNES, per un totale di più di 2000 volumi, raccolti in 8 librerie. La biblioteca, oltre a comprendere una sezione dedicata alle riviste, è suddivisa in sezioni tematiche che vanno dall’archeologia e storia del Vicino Oriente (Mesopotamia, Anatolia, Levante, Iran) all’archeologia di Cipro e dell’Egeo. Un’importante sezione è dedicata alla glittica del Vicino Oriente e dell'Egeo antico.

Codice ISIL: IT-FI0903

           MASCHERA DI RICERCA           


Come cercare i volumi nella Biblioteca
  • Per effettuare la ricerca di un volume all'interno della Biblioteca cliccare nella maschera di ricerca qui a fianco inserendo uno o più parametri (autore, titolo, soggetto, casa editrice, ecc.).

  • ​​Una volta cliccato il bottone 'Ricerca' sarete redirezionati all'OPAC o Catalogo on-line della Biblioteca.

  • La voce 'Tag' indica il codice identificativo per individuare fisicamente i volumi nella Biblioteca.

La biblioteca originale a casa di P.E. Pecorella
Firenze, 7 febbraio 2013
Regolamento della Biblioteca
  • La biblioteca è aperta al pubblico solo su appuntamento​
  • Per fissare un appuntamento si prega di riempire il modulo sottostante indicando i titoli e i relativi codici librari (=la voce 'Tags' nell'OPAC) dei volumi che si intende consultare​
  • ​I volumi non possono essere portati fuori dalla sede CAMNES ma possono essere consultati e in parte fotocopiati (servizio a pagamento) sul posto

Codici identificativi dei volumi (TAG)

 

 

AEG: Aegeum
ANA: Anatolia
ANE: Ancient Near East
ANT: Anthropology
ARA: Arabia
ARC: Archaeology
ASI: Asia
CAU: Caucasus
CLA: Classic World
CYP: Cyprus
DIC: Dictionary
DID: Didactics
EGY: Egypt
GLY: Glyptics 
HIS: History

IRA: Iran
ITA: Italy

 


JRN: Journal
LEV: Levant
LIN: Linguistics
LIT: Literature
MES: Mesopotamia
MUS: Museology,
          Valorization
          Cultural Heritage
REL: Religious Studies
SAA: Science Applied
          to Archaeology
SANEM: Studies on the
          Ancient Near East
          and the Mediterranean
SYR: Syria
THE: Thesis
VAR: Varia


 

Le sezioni ASI, CAU, ANA, LEV, IRA, MES, SYR, ARA, EGY, CYP, AEG
sono suddivise in tre categorie: GeneraleCiviltà e Siti.

La categoria Generale segue l'ordine alfabetico per autore.
La categoria Civiltà segue l'ordine alfabetico per nome di civiltà. 
La categoria Siti segue l'ordine alfabetico per nome di sito.
La sezione GLY contiene all'inizio una parte generale, seguita da una ripartizione in aree geografiche disposte in ordine alfabetico. 

Paolo Emilio Pecorella (Napoli 1934 - Tell Barri 2005)
Paolo Emilio Pecorella conseguì, nel 1959, presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze, la laurea in Storia dell’Asia Anteriore Antica con il Prof. Giovanni Pugliese Carratelli con una tesi dal titolo “L’espansione micenea nel Mediterraneo orientale”. Nel 1961 fu borsista della Scuola Archeologica Italiana di Atene. Partecipò allo scavo di Festos, a Creta. Nel 1962-1963 soggiornò ad Ankara come borsista del governo turco e con un contributo straordinario del Ministero degli Affari Esteri italiano. Tra il 1962 e il 1964, insieme al Prof. P. Meriggi, effettuò una serie di ricognizioni nelle regioni anatoliche di Afyon Karahisar, Ankara, Çorum, Eskişehir, Kayseri, Konya, Malatya, Nevşehir, Sivas e Yozgat. Fra il 1962 e il 1967 partecipò alla missione archeologica a Iasos (Caria), diretta dal Prof. D. Levi, dove curò lo scavo delle necropoli protostorica ed ellenistica e dei livelli d’età romana repubblicana e imperiale, e negli stessi anni, fra il 1962-1968, partecipò alla missione archeologica ad Arslantepe (Malatya), diretta dai Proff. P. Meriggi e poi S.M. Puglisi. Tra il 1964 ed il 1968 fu ispettore R.O. presso la Soprintendenza alle Antichità della Etruria a Firenze ed in seguito, tra il 1968 e il 1984, fu ricercatore per l’archeologia egeo-anatolica presso l’Istituto per gli Studi Micenei ed Egeo-anatolici (C.N.R.) di Roma. In quegli anni effettuò una serie di ricognizioni in Anatolia (1969-1973). Dal 1970 al 1972 diresse lo scavo della Necropoli a mare ad Ayia Irini (Cipro), nell’ambito della Missione organizzata dall’Istituto per gli Studi Micenei ed Egeo-anatolici. Nel 1971, in base ad un accordo con la missione archeologica dell’Università di Padova, diresse lo scavo di un settore del monticolo di Topaklı (Nevşehir). Tra il 1976 ed il 1978 diresse la missione di ricognizione nell’Azerbaigian iraniano (aree di Ushnaviyeh e di Rezaiyeh/Urmia) nell’ambito della quale effettuò saggi di scavo nel castello urarteo di Qal’eh Ismail Aqa e nel monticolo di Tepe Gijlar. Dal 1978 al 1983 è stato Professore incaricato esterno di Archeologia del Vicino Oriente presso l’Istituto Universitario Orientale di Napoli. Nel 1977 e 1979 effettuò ricognizioni in Siria, nel triangolo del Habur. Dal 1980 al 2005 è stato direttore della Missione archeologica italiana a Tell Barri/Kahat, nel bacino del Habur (Siria). Fra 1984 e il 1990 è stato Professore associato e poi professore straordinario di Archeologia Orientale presso la Facoltà di Lettere della Università degli Studi di Firenze. Dal 1991 è stato Professore ordinario di Archeologia e Storia dell’Arte del Vicino Oriente antico presso la Facoltà di Lettere della Università degli Studi di Firenze.

P.E. Pecorella a Rafina (Grecia), 13 agosto 1961 - Diateca Pecorella Copyright ©
Dove è collocata la Biblioteca Pecorella

Copyright © 2010-2017 CAMNES. Tutti i diritti riservati  |  

Privacy Policy  |  

Cookie Policy