Serie SANEM

Serie editoriale ufficiale delle pubblicazioni scientifiche del CAMNES in collaborazione con la casa editrice Arbor Sapientiae di Roma

Studies on the Ancient Near East and the Mediterranean
 
Pubblicato da:
Arbor Sapientiae (Roma)



 
Comitato Scientifico:
Giorgio Buccellati, Aaron Burke,
Giovanni Alberto Cecconi, Massimo Cultraro, Ian Hodder, Salima Ikram, Nicola Laneri, Mario Liverani, Daniele Morandi Bonacossi, Alessandro Naso, Vincenzo Palleschi, Annamaria Ronchitelli, Adam. T. Smith
Comitato di Redazione:

Maria Elisa Garcia Barraco, Guido Guarducci, Valentina Santini, Simona Sperindei, Stefano Valentini



Introduzione alla serie editoriale
La serie editoriale SANEM, Studies on the Ancient Near East and the Mediterranean, nasce come sede ufficiale delle pubblicazioni scientifiche monografiche del CAMNES, Center for Ancient Mediterranean and Near Eastern Studies, per iniziativa del centro studi e grazie al supporto della casa editrice Arbor Sapientiae di Roma.
Il logo della serie, una chimera alata, è stato scelto come incarnazione simbolica delle strette connessioni e delle reciproche influenze tra le culture d’Oriente e quelle d’Occidente. Infatti, l’iconografia della chimera nasce in ambito Classico, ma le sue radici sono da ricercare nel Vicino Oriente come dimostrano gli esempi ritrovati a Ebla (XVIII secolo a.C.) e a Karkemish (XI-IX secolo a.C.).
Nei SANEM saranno pubblicate opere di significativo valore scientifico inerenti l’archeologia, l’antropologia, la storia, la filologia e la storia dell’arte, in tutte le loro applicazioni e sottobranche, con particolare attenzione ai moderni metodi di indagine volti alla ricostruzione e all’interpretazione dell’antico passato delle grandi aree culturali del Vicino Oriente e del Mediterraneo, in un arco cronologico che si estende dalla preistoria, passando per la protostoria, fino al periodo classico.
Secondo i principi ispiratori del CAMNES, i SANEM saranno la sede editoriale ideale non solo per studiosi affermati, ma anche per la pubblicazione del lavoro dei giovani ricercatori all’inizio delle loro carriere accademiche e dei loro progetti di ricerca.
Dato il contesto internazionale nel quale opera CAMNES, salvo eccezioni, le opere della serie saranno pubblicate in inglese, e sottoposte a double-blind peer review (autore e revisore saranno anomini) dal Comitato Scientifico del SANEM, creato appositamente per la serie editoriale. In casi particolari CAMNES potrà avvalersi anche di un referaggio esterno al Comitato Scientifico.
Tutti i volumi della serie, che saranno pubblicati senza una cadenza cronologica regolare, avranno un’edizione cartacea e un’edizione digitale.
 
 
SANEM 4


Constructing Kurgans
Funerary Customs in the Caucasus and Eastern Anatolia During the Bronze and Iron Age


A cura di Nicola Laneri - Giulio Palumbi - Sylvie Müller-Celka

Arbor Sapientiae (Roma), 2019

Contributi
Nicola Laneri, Sylvie Müller Celka, Giulio Palumbi
: Constructing Kurgans: An Introduction; Adam T. Smith: Bronze Age Metaphysics: Burial and Being in the South Caucasus; Sabine Reinhold: Transforming the Horizon – Early Mounds and Monumentalised Landscapes in the North Caucasus and Their Social Context; Yilmaz Selim Erdal, Bakhtiyar Jalilov, Meliha Melis Koruyucu, Valentina d’Amico, Ömür Dilek Erdal: Kura-Araxes Kurgans at Uzun Rama, Azerbaijan: Interpretation of the Burial Customs and Human Remains; Muzaffar Magsud Oglu Huseynov: Tatarli Kurgans; Brenna r. Hassett, Haluk Sağlamtimur, Metin Batihan: The Radical Death of the 4th Millennium: Contextualising Human Sacrifice at Başur Höyük; Goderdzi Narimanishvili, Nino Shanshashvili, George Narimanishvili: Kurgans of Trialeti: The Roads to Eternity; Aynur Özfirat Kurgans in the Highlands of Eastern Anatolia: From the Kura-Araxes Period to the Urartian Kingdom; Şevket Dönmez: Horse Burials in Anatolian Protohistory; Artavazd Zakyan, Mateusz Iskra, Hasmik Simonyan: The Internal Arrangement and Reuse of Kurgan Chambers in the Metsamor Cemetery; Zaur Hasanov: Two Different Funerary Rituals in the Kurgans of the Eastern Part of the South Caucasus in the Early Iron Age; Lorenzo Crescioli: The Scythians and the Southern Caucasus Region.

SANEM 3


Between Syria and The Highlands
Studies in Honor of Giorgio Buccellati & Marilyn Kelly-Buccellati


A cura di Stefano Valentini - Guido Guarducci

Arbor Sapientiae (Roma), 2019

 
Table of Contents
Acknowledgements, Foreword, Giorgio Buccellati & Marilyn Kelly-Buccellati, Author Biographies, Maamoun Abdulkarim, Afaf Laila: Ruweiha, a Village from Northern Syria During Byzantine Period: Study of Preservation of Domestic Architecture; Neville Agnew, Martha Demas: Integrating Conservation, Archaeology, and Community at Tell Mozan (Urkesh); Silvia Alaura: The Wandering Life of the Hittite Seal Dresden ZV 1769 at the End of the 19th Century: New Archival Light; Mohammed Alkhalid: Tales from the Desert Nomads: From Textual Sources till Gertrude Bell’s Letters; Alfonso Archi: Šamagan and the Mules of Ebla. Syrian Gods in Sumerian Disguise; Piotr Bieliński, Dorota Bielińska: A Tale of Two Temples of the Ninevite 5 Period; Luca Bombardieri: Give a Man a Fish or Teach Him How to Fish? Situated Learning and the Emergence of Communities of Practice in Bronze Age Eastern Mediterranean and the Near East; Marco Bonechi: How Kirta’s Love for Blue-Eyed Hurriya Clarifies Ebla Ophtalmic Terms and the 3rd Column of the ‘Barton Cylinder’; Federico Buccellati: Houses of Nippur: An Architectural Study using EnCAB; Amalia Catagnoti: Symbol of Wisdom, Decorated with Earrings: The Ear in the Ebla Texts; Dominique Charpin: Quelques Aspects Méconnus du Statut et du Rôle des Quartiers-bâbtum dans les Villes Paléo-Babyloniennes; Caitlin Chaves Yates: Tell Mozan’s Outer City in the Third Millennium BCE; Marta D’Andrea, Agnese Vacca: Alike but Different. Drinking Vessels in the Eastern Mediterranean around 2500-2000 BC; Vittoria Dall’Armellina, Elena Rova: Beasts and Wine. Zoomorphic Vessels and the Northern Corridor of the Near East; Rita Dolce: On the Basalt Base from Susa (Sb5): A Reinterpretation; Ernestine S. Elster: The Scepter of Sitagroi and Early Bronze Age Symbols of Power; Stefania Ermidoro: The Repentant God in the Flood Story. A Comparison Between When Gods Were Men and Genesis 6-9; Diane Favro: The Roman Bridge over the Chabinas: Meaning in Infrastructure; Candida Felli: Ladies and Cups: A Reconsideration of some Akkadian Artefacts from Northern Syria; Ellery Frahm: Seen Through a Glass Darkly: Reexamining Connections Between Mesopotamia and the Caucasus; Pelio Fronzaroli: About the Eblaite Names of the “Cultic Journey”; Thomas Gamkrelidze: La Patria Protoindeuropea e le Migrazioni Indeuropee; Rick Hauser: Learning from Canis 203. Impressions of an Absent Artifact; Frank Hole, Yukiko Tonoike: Traces of Third Millennium Pastoralism in the Jebel Abd al-Aziz Region; Marta Luciani: Between Enduring Symbols and Elite Identity: New Glyptic Evidence from Nuzi; Yasmine Mahmoud: Through the Eyes of the Ancients. The Perception of Beauty in 3rd Millennium Syria; Massimo Maiocchi: Thoughts on Ancient Textual Sources in Their Current Digital Embodiments; Maria Grazia Masetti-Rouault, Olivier Rouault: Les Murs de Kilizu; Paolo Matthiae: A Note on Lions at Temple Entrances in Old and Middle Syrian Temples; Stefania Mazzoni: Up and Down in Early Syrian Palaces: Spaces of Power Performance and Economic Wealth; Diederik J. W. Meijer: Giorgio Buccellati’s critique and archaeological explanation; Maria Gabriella Micale: Some Considerations on Walter Andrae’s “Urformen des Kultbaues”, in Mensch und Baukunst. Eine Correspondenz 2 (1953): 1-5, or rather…On a Hidden Grundthema of Archaeological Research; Rauf M. Munchaev, Shahmardan N. Amirov: Collection of Seals from the Settlement of Tell Hazna 1 (Syria); Davide Nadali: Miniatures of Wars: Fights, Skirmishes and Conflicts in Ancient Near Eastern Seals; Luca Peyronel: Il ruggito del Leone. Qualche Osservazione sulle Immagini Ferine nel Mondo Siriano del III Millennio a. C.; Frances Pinnock: A Game of Goddesses (and Thrones?). Some Reflection about a Cylinder Seal Impression from the Royal Palace G of Ebla (ca. 2300 BC); Daniel Potts: Wild Water Buffalo (Bubalus arnee [Kerr, 1792]) in the Ancient Near East; Marina Pucci, Sebastiano Soldi: Going Red in The Iron Age II: The Emergence of Red-Slip Pottery in Northern Levant with Specific Reference to Tell Afis, Chatal Höyük and Zincirli Höyük; Marco Ramazzotti: Nel Segno di Ebla. Memoria Topologica per la Città del Trono al Centro delle Quattro Parti del Mondo; Monica Smith: The Terqa Cloves and the Archaeology of Aroma; Marie-Claude Trémouille, Roberto Dan: Between Philology and Archaeology. Some Comments on Urartian Landscape Management; Willeke Wendrich: Placentas, Sieves and the Ancestors.
Info
 
 

SANEM 2

Settlement Patterns and Political Landscapes in the Upper Tigris River Valley


Rodolfo Brancato

Arbor Sapientiae (Roma), 2017

 
Located between the Caucasus, the Syrian-Iraqi border, south-eastern Anatolia and western Iran, the upper Tigris River region lies at a crucial intersection between Anatolia and Mesopotamia and became, since the early Holocene, a focal point in human history. There, communities during the Neolithic period experienced vibrant local developments. During the Uruk expansion in the 4th millennium BCE, the region played a key role in the relations between southern Mesopotamian societies and Anatolian people. The region served as a site of contact between commercial and imperial forces throughout the Bronze and the Iron Ages when it was highly affected by the contacts led by the Assyrians with the northern local political entities. By the end of the 1st millennium BCE, the region had become the location where “East” and “West” met.
Despite its central role in the evolution and history of the Near East, until the late 1980’s the valley was terra incognita in terms of archaeological research. The start of archaeological projects in the region was due to the planned construction of a series of dams along the upper course of the Tigris. The aim of this study is to connect all the data collected from the rescue survey projects carried out in the last decades with those available from the archaeological excavations and to focus on the changes in settlement patterns throughout the millennia. This volume is an attempt to organize our knowledge over the upper Tigris River valley, in light of the last decades of research, and as a reassessment of the available archaeological data according to the topographic method, under a diachronic perspective.
Info
 
 

SANEM 1

Le Necropoli Etrusche di Macchia della Riserva a Tuscania
1. Pian delle Rusciare


Stefano Giuntoli

Arbor Sapientiae (Roma), 2015

 
Questa monografia ha per oggetto lo studio della necropoli etrusca di età ellenistica di Pian delle Rusciare, la prima in ordine di cronologia di intervento di scavo nell’area di Macchia della Riserva, situata nelle immediate vicinanze di Tuscania (VT). La necropoli comprende undici tombe del tipo a camera ipogea e a fossa, praticate nella roccia tufacea naturale, in gran parte sottoposte a violazione totale o parziale. Due delle tombe a camera hanno restituito complessivamente sei sarcofagi di nenfro, con coperchi di tipo architettonico. I materiali dei corredi recuperati non sono numerosi e consistono in manufatti di bronzo, di ferro e in vasellame in ceramica a vernice nera, dipinta a decorazione lineare, sovradipinta, acroma depurata e grezza, spesso rinvenuti in condizioni di integrità o di completa ricomponibilità. Alcuni di essi risultano particolarmente significativi, come ad esempio uno specchio bronzeo decorato con una scena del mito greco dell’allattamento di Telefo bambino da parte di una cerva, la cui esegesi lascia intravedere una trama di rapporti con un sistema di valori della società etrusca del tempo, e due vasi a vernice nera con un’iscrizione graffita con le lettere CU, che sembrano rinviare alla presenza in questa necropoli di un ramo della importante gens Curunas, già documentata nella stessa Tuscania e a Tarquinia. In senso più generale, lo scavo di Macchia della Riserva/Pian delle Rusciare contribuisce ad integrare le nostre conoscenze riguardo alla consistenza, all’estensione e alla dislocazione delle necropoli tuscaniesi nel corso dell’età ellenistica, fornendo ulteriori spunti di riflessione sulle modalità del popolamento dell’area nel corso di quest’epoca.
Info
1

STUDIES ON THE ANCIENT NEAR EAST AND THE MEDITERRANEAN

2

STUDIES ON THE ANCIENT NEAR EAST AND THE MEDITERRANEAN

- SCOPRI DI PIÙ -

Altre pubblicazioni scientifiche e produzioni editoriali

Elenco delle pubblicazioni CAMNES in ordine cronologico partendo dal basso

 
 
Nairi Lands
The Identity of the Local Communities of Eastern Anatolia, South Caucasus and Periphery during the Late Bronze and Early Iron Age
A Reassessment of the Material Culture and the Socio-Economic Landscape

(Vol. 1 printed; Vol. 2 on-line catalogue)

Guido Guarducci

Oxbow Books (Oxford & Philadelphia), 2019

This study analyses the social and symbolic value of the material culture, in particular the pottery production and the architecture, and the social structure of the local communities of a broad area encompassing Eastern Anatolia, the South Caucasus and North-western Iran during the last phase of the Late Bronze Age and the Early Iron Age. This broad area is known from the Assyrian texts as ‘Nairi lands’. The second part of the study, furnishes a reassessment of pottery production characteristics and theories, as well as of the socio-economic structure and issues, tied to the sedentary and mobile local communities of the Nairi lands. The study brings into focus the characteristics, the extension and the distribution of Grooved pottery, along with other pottery typologies, by providing an accompanying online catalogue with detailed descriptions and high-resolution images of the pots and sherds obtained from public and private institutions in Turkey and Armenia. Moreover, the socio-political organisation and subsistence economy issues are addressed in order to advance a possible reconstruction of the social structure of the Nairi lands communities. Particular attention is devoted to the pastoral nomad component and the role played within the Nairi phenomenon. The study includes a very large corpus of text images and high-resolution color images of the pottery of the area under examination, gathered by the author in order to offer a reliable tool and compendium.
Info
Proceedings of the XI International Congress of Egyptologists, Florence, Italy 23-30 August 2015
A cura di Gloria Rosati e Maria Cristina Guidotti

Archaeopress Egyptology 19  (Oxford), 2017

 
L'undicesimo Congresso Internazionale di Egittologi si è svolto presso il Museo Egizio di Firenze e l'Università di Firenze dal 23 al 30 agosto 2015. Il congresso è stato organizzato dall'International Association of Egyptologists (IAE), dalla Soprintendenza Archeologia della Toscana (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), CAMNES (Center for Ancient Mediterranean and Near Eastern Studies), l'Università degli Studi di Firenze (SAGAS) e con l'appoggio dell'Istituto Lorenzo de 'Medici.
Dalle mummie animali al vocabolario antico egizio ai temi del culto imperiale: non mancano argomenti di grande interesse.
Il volume dei lavori presenta 125 contributi peer-reviewed di una selezione di poster.
Info
Archeologia a Firenze: Città e Territorio. Atti del Workshop. Firenze, 12-13 Aprile 2013
A cura di Valeria d'Aquino, Guido Guarducci, Silvia Nencetti, Stefano Valentini

Archaeopress Archaeology (Oxford), 2015

 
Il volume raccoglie gli atti del workshop ‘Archeologia a Firenze: Città e territorio’, organizzato dal CAMNES, Center for Ancient Mediterranean and Near Eastern Studies, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, nell’aprile 2013. Un evento che ha registrato una straordinaria partecipazione da parte degli addetti ai lavori, ottenendo un rilevante successo anche in termini di archeologia pubblica tra la cittadinanza. A quasi vent’anni dalla mostra ‘Alle origini di Firenze’ e dalla pubblicazione del relativo Catalogo, considerato un punto fermo sull’archeologia fiorentina, il workshop, anche grazie alla presentazione degli scavi più recenti, è stato un’occasione di confronto fra chi svolge attività di ricerca, tutela e valorizzazione del patrimonio archeologico fiorentino, nel quale sono state approfondite le origini di una città che ha certamente vissuto da protagonista la stagione del Rinascimento, ma che nelle sue radici trova le ragioni stesse di questo destino glorioso. Le sessioni, articolate attraverso un percorso cronologico - dalla preistorica al periodo medievale - sono state integrate da contributi relativi a progetti di valorizzazione di una realtà storica antica sulla cui ricostruzione le attività di scavo e di studio impongono costantemente nuove discussioni, riflessioni e, non di rado, ripensamenti.
Info
Download
 
 
 
 
Firenze e Provincia: I Luoghi dell'Archeologia

Florence and its Province: The Archaeological Locations

Testi di / Texts by Valeria d'Aquino, Laura Torsellini, Michele Nucciotti, Francesca Paraskoulakis, Silvia Nencetti
Revisione testi inglese / English text review Guido Guarducci
Grafica / Graphics Neolab


Comune di Firenze (Municipality of Florence, Italy), 2013

 
La carta archeologica 'Firenze e Provincia: I Luoghi dell'Archeologia' è stata realizzata dal CAMNES su richiesta del Comune di Firenze in lingua italiana e inglese ed è distribuita gratuitamente in tutti gli infopoint turistici del Comune di Firenze e scaricabile in versione digitale in alta risoluzione qui a fianco (cliccare sull'immagine).
Info
SOMA 2012. Identity and Connectivity. Proceedings of the 16th Symposium on Mediterranean Archaeology, Florence, Italy, 1-3 March 2012 Volume I, Volume II
Edited by Luca Bombardieri, Anacleto D'Agostino, Guido Guarducci, Valentina Orsi e Stefano Valentini

BAR International Series, Archaeopress (Oxford), 2013

I presenti volumi raccolgono gli atti della 16a edizione del Symposium On Mediterranean Archaeology (SOMA) che si è tenuto a Firenze, Italia, tra 1-3 Marzo 2012 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Firenze e presso l'Auditorium del Center for Ancient Mediterranean and Near Eastern Studies (CAMNES).
Questa edizione del Simposio si è incentrata sulle "Identità e connettività" del Mediterraneo e del Vicino Oriente, dalla preistoria al periodo medievale. I 145 contributi esplorano e analizzano questi aspetti all'interno di contesti diversi e attraverso molteplici approcci, col fine di allargare le nostre conoscenze e la creazione di nuovi ponti sul queste importanti aree culturali attraverso il loro patrimonio archeologico.
Info
Il Futuro nell'Archeologia. Il Contributo dei Giovani Ricercatori. Atti del IV Convegno Nazionale dei Giovani Archeologi. Tuscania (VT) 12-15 Maggio 2011

A Cura di Guido Guarducci e Stefano Valentini

Scienze e Lettere Editore (Roma), 2012

Il presente volume raccoglie gli atti del IV Convegno Nazionale dei Giovani Archeologi organizzato dal Center for Ancient Mediterranean and Near Eastern Studies (CAMNES) che ha voluto così riprendere un format già sperimentato a Napoli, Bologna e Sassari al fine di promuovere e valorizzare l’attività dei giovani archeologi italiani che hanno talento, curiosità e motivazione, gli stessi che attraverso il lungo iter di studi, che caratterizza il loro percorso di formazione, contribuiscono ad accrescere il valore scientifico della disciplina. L’incontro è stato un’occasione di condivisione e confronto diretto tra i partecipanti (circa 65 provenienti da tutta Italia) che hanno presentato i propri progetti di studio e di ricerca compresi in un arco cronologico tra la Preistoria e il Medioevo, tra il Mediterraneo ed il Vicino Oriente antico. Con un filo conduttore trasversale: le nuove tecnologie e i nuovi approcci scientifici e metodologici in campo archeologico, nel tentativo di individuare e sviluppare nuove sinergie interdisciplinari che interessino la ricerca e la fruizione del patrimonio archeologico.
Info

Copyright © 2010-2020 CAMNES. Tutti i diritti riservati  |  

Privacy Policy  |  

Cookie Policy